Personal Branding

HtoH Marketing: la base per la reputazione on line

HtoH Marketing: la base per la reputazione on line

HtoH, human to human si tratta del nuovo marketing, il marketing rivolto alle persone, il marketing delle persone.
Ogni buon rapporto che si rispetti nasce dalla relazione tra due o più individui.

Oggi siamo persone, siamo pubblico, siamo relazione e siamo ambasciatori di Brand.
Raccontiamo storie e “scriviamo” la nostra vita.

Il HtoH Marketing vale sia per le persone (professionisti, freelance, imprenditori etc) che per le Aziende. Che si stia costruendo un Personal Branding o che si stia cercando nuovi clienti, prospect o ampliando la propria rete di contatti per far conoscere il proprio Brand o i propri servizi, l’HtoH Marketing è la relazione “digitale” tra persone, il passaporala naturale che sta assumendo, oggi, un valore molto forte in fatto di credibilità e fidelizzazione.

(Non lo sottovaluterei)

Quali mezzi abbiamo a disposizione per entrare in relazione con le persone?

Non limitiamoci a pensare che l’HtoH Marketing avvenga solo sui Social Network, facciamo una panoramica delle diverse piattaforme digitali disponibili:

1) Sito internet
2) Blog
3) Social Network
4) E-mail Marketing
5) Landing page

Consideriamo anche che sono solo alcune delle attività che stanno alla base di un buon Inbound Marketing.
Tutte queste piattaforme digitali, se ben utilizzate, ci danno la possibilità di entrare in connessione con altre persone, parlare con loro, fornire informazioni, promozioni e presentare loro noi stessi, i nostri prodotti e i nostri servizi.

Come fare?

Copy, visual e video (anche live)
Testo, immagini, video e video live formano la “nostra” comunicazione on line.

Copy: come scrivere per essere letto dalla tua rete

Sui social Network
Il testo, è una parte molto importante della comunicazione on line. Perchè sia efficace deve essere creativo, deve avere un tono of voice riconoscibile e sopratutto personale, deve parlare a tu per tu con le persone.
Produrre contenuti è l’unico mezzo a disposizione per farsi conoscere.
Hai idea di quanti post vengano scritti giornalmente sui social network? Milioni.
In questo panorama, non è certo facile farsi notare dalla propria rete.
Come dico sempre, una buona scuola è Twitter, saper attrarre in 140 caratteri è un buon esercizio per testare l’efficacia del proprio contenuto.
I post, come i titoli di un Blog o un tweet devono, in poche parole, comunicare buona parte di un contenuto e stimolare la condivisione o l’approfondimento.
Non hai idea di quanti post vengano condivisi solo per il titolo.
Se la tua domanda ora è: Devo del dare del tu o del voi? Ti consiglio di leggere i consigli di Riccardo Esposito web writer che, all’interno del suo blog, raccoglie consigli sempre utili.

Visual content: come creare un’immagine che ti racconti al meglio e sia captive

Tra una buona immagine e un buon testo, vince l’immagine.
Fai in modo, quindi, che ogni visual racconti di te.
Un buon visual content:
– chiaro e coerente con il contenuto
– l’immagine deve essere nitida
– il design del visual, pulito e gli elementi che compongono l’immagine, in armonia
– inserisci il tuo marchio, la tua firma o addirittura una tua piccola foto (fai sempre in modo che il contenuto che crei, riporti a te)
– mantierni il tuo stile

La nostra comunicazione on line e il rapporto (HtoH) che creeremo on line sarà la base per la nostra reputazione on line, ovvero ci permetterà di creare, monitorare e costruire il percepito che le persone avranno di noi e del nostro Brand.

Per quanto riguarda i video e i video live, scriverò un articolo la prossima volta.

Ecco un articolo contenente qualche consiglio per una buona reputazione on line:
Brand Reputation on line consigli per l’uso

Ho raccolto qui i punti utili sull’HtoH Marketing per un buona reputazione on line:
Scaricali oppure consulta il documento su SlideShare

Fammi sapere se ti sono stata d’aiuto!
Se vuoi approfondire alcuni argomenti, cercami sui social come Daria Benedetto, entriamo in contatto.

Previous post

Personal Branding: personal (IN)personal

Next post

Marketing 3.0: cambio di prospettive

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *