Personal Branding

Personal Branding: 5 punti chiave

Personal Branding: 5 punti chiave

Vedi una scala in salita o in discesa? Scegli tu.

Siamo tutti dei Brand.
Siamo tutti dei Brand che interagiscono tra loro, con il proprio nome (il marchio) con la propria immagine (brand identity) con la propria reputazione (brand reputation) e con i propri valori (brand value).

I 5 PUNTI CHIAVE DA CUI PARTIRE:

  • STEP 1) Immagine riconoscibile

  • Oggi ho ricevuto una richiesta di collegamento tramite LinkedIn da un imprenditore senza volto (non aveva inserito la sua immagine all’interno del profilo). Consulto almeno 10-15 volte al giorno (in realtà non le ho mai contate) il mio profilo Linkedin, lo ritengo uno tra i migliori social network che ci siano, professionale, di alto livello e che mi ha permesso di ampliare (di molto) la mia rete di conoscenze professionali, più di tutti gli altri.
    Quando è arrivata la notifica, dopo aver preso visione che mancava la foto del profilo “dell’imprenditore senza volto”, la prima cosa che ho fatto è stata, NON accettare la richiesta.
    Nel corso del tempo ho imparato a selezionare le richieste e con esse anche a dire no. Non accetto nella mia rete di contatti chiunque lo chieda, un profilo senza volto è tra i punti NO della mia politica social.
    Se non vuoi far vedere chi sei allora per me non ci sei.

  • STEP 2) Una biografia
  • Quando si parla di biografia, non mi riferisco solo a LinkedIn, la biografia (racconto il mio Brand) è fondamentale dal sito internet al blog, ai social network (Facebook, Twitter, Google +, LinkedIn).
    Se sei un’Azienda ci tieni a far sapere chi sei e cosa fai, se sei una persona, è il momento in cui puoi raccontare le tue competenze, le tue esperienze e nel caso di Linkedin, il tuo percorso formativo-professionale.
    Non privarti delle fasi principali per farti conoscere, rinunceresti alla possibilità di interazioni o peggio, ti allontanerai dalla possibilità di costruire relazioni.

  • STEP 3) Crea una rete di contatti
  • Il punto chiave, di quella che si chiama, “connection economy” è la fiducia, la trasparenza e il dialogo, questa ricetta ti permetterà di creare relazioni personali.
    Inutile dire che dalle relazioni si creano partnership, collaborazioni e (perchè no) si trovano clienti.
    Non importa quanto sia grande il numero di like che sei riuscito ad ottenere su Facebook o il numero di follower su Twitter o su LinkedIn, se con nessuna di quelle persone sei riuscito ad instaurare un rapporto personale, sarà solo un semplice numero che non servirà a nulla.
    Il contatto e la relazione presuppone un complesso scambio di informazioni, la condivisione di interessi e la condivisione di punti di vista, vuol dire aprirsi agli altri.
    Bisogna dare prima di “voler” ricevere.

  • STEP 4) Costruisci poco alla volta la tua reputazione
  • La reputazione, nella vita, è ciò che hai lasciato di te nell’altro.
    La reputazione, di una marca, è il percepito che le persone hanno di quel brand.
    La tua reputazione (la tua marca, cioè tu) on line o nella vita è ciò che di te crei e lasci nella rete e nella relazione con l’altro.
    Ciò che sei nella vita (off line) sei anche nella forma di te digitale (on line).
    Non posso dirti chi devi essere, se non, sii te stesso.

  • STEP 5) Non mollare
  • Sembra facile a dirlo. Il miglior consiglio che ti posso dare è di non sottovalutare la tua immagine, costruiscila poco per volta e migliorala ogni giorno che passa sempre di più.
    Quando ti sembrerà di aver svolto correttamente i “compiti a casa” controlla le sfumature.

    Ho scritto un articolo su quanto tempo devi dedicare al tuo Personal Branding, lo trovi qui: di quanto tempo hai bisogno per presentarti?

    La capacità di stabilire contatti e relazioni è propria di quegli individui che non “devono” ma “vogliono”
    (Tratto da “Quel pollo di Icaro” di Seth Godin)

    Potenzialmente io e te (che stai leggendo) siamo più vicini di quanto tu non immagini, la relazione che c’è tra me e te in questo momento è molto stretta e potrà esserlo ancor più se, alla fine della lettura, ti collegherai ad uno dei miei profili social, oppure se commenterai questo articolo, sarà il primo passo per aprire una strada nella nostra relazione.
    Sarò felice di scambiare con te idee, opinioni e approfondire argomenti.

    Ecco chi sono io:

    Daria_Benedetto_2_frescheidee.com

    Entriamo in contatto:
    LinkedIN: Daria Benedetto
    Facebook: Daria Benedetto
    Instagram: Daria Benedetto
    Twitter: @dariabenedetto
    Google +: Daria Benedetto

    Previous post

    #superSocialmarket il nuovo processo d'acquisto

    Next post

    Facebook cambia algoritmo: le persone, l'eco dei Brand.

    No Comment

    Leave a reply

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *